Electronic banking

Visita il sito Eurasia 24
russia24_new.gif

STATNEWS N.327

L’economia russa riparte, ma ci vorrà molto tempo e molto lavoro per curare tutte le ferite causate dalla pandemia

I produttori russi aumentano di anno in anno l’export di cioccolato: i maggiori consumatori sono le repubbliche ex sovietiche e la Cina – In calo la produzione di bevande alcoliche in Russia. -4% nel gennaio-agosto 2021 – Nell’anno agricolo 2020-2021 in Russia sarà raccolto meno grano del previsto a causa “le condizioni meteorologiche sfavorevoli”.

 

Le esportazioni di cioccolato dalla Federazione Russa sono aumentate del 23% nella prima metà dell’anno
Nel primo semestre del 2021 la Russia ha esportato cioccolato per 340 milioni di dollari, il 23% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il cioccolato è stato per la prima volta nella top 10 dei prodotti esportati dal Paese. Anche le esportazioni di un altro dolce altamente lavorato, cioè il gelato, sono aumentate del 38%, fino a 47 milioni di dollari.
Allo stesso modo, sono in aumento le esportazioni russe di ulteriori prodotti dolciari: bevande gassate (+48%, fino a 153 milioni di dollari), prodotti dolciari a base di zucchero (+19%, fino a 93 milioni di dollari), succhi di frutta (+20%, fino a 25 milioni di dollari), marmellate, gelatine e confetture (+12%, fino a 21 milioni di dollari).
I principali consumatori di cioccolato russo sono stati Kazakistan, Bielorussia, Uzbekistan, Azerbaigian e Cina; quelli di gelato USA e Kazakistan; i succhi di frutta sono stati esportati maggiormente in Kazakistan, Bielorussia e Ucraina, mentre marmellate, gelatine e confetture in Kazakistan e Bielorussia.

La produzione di alcol in Russia è diminuita quasi del 4% nel periodo gennaio-agosto
In Russia, nel periodo gennaio-agosto di quest’anno, la produzione di bevande alcoliche (ad esclusione della birra, delle bevande a base di birra e del sidro) è stata di 1,06 miliardi di litri, ovvero il 3,8% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nel solo mese di agosto, la produzione di alcol è calata dell’11,8%, fino a 149 milioni di litri. In particolare, la produzione di vodka in otto mesi ha eguagliato 457,8 milioni di litri (-4,9%), e in agosto 65,5 milioni di litri (-10,3%).
La produzione di prodotti vinicoli è stata pari a 370 milioni di litri (-13,5%) dall’inizio dell’anno, e a 49,7 milioni di litri (-26%) in agosto. In particolare, la produzione di champagne e spumante ha eguagliato 57,4 milioni di litri (-21,7%) per i primi 8 mesi dell’anno, e 11,2 milioni di litri (+27,4%) in agosto. Infine, la produzione di vino fermo è stata di 198,8 milioni di litri (-1%) nel periodo gennaio-agosto e di 27,2 milioni di litri (-19%) in agosto.

Nel mese di agosto il Fondo sovrano di previdenza è aumentato di 259,9 miliardi di rubli
Il primo settembre il Fondo nazionale di previdenza ammontava a 1.416 miliardi di rubli (circa 190,51 miliardi di dollari), ovvero il 12,1% del PIL russo previsto per il 2021. Durante il mese di agosto, il Fondo è cresciuto di 259,94 miliardi di rubli.

L’Unione russa del grano ha peggiorato le previsioni di raccolto in Russia per il 2021
L’Unione Russa del grano ha peggiorato le sue previsioni per il raccolto di cereali in Russia nel 2021, stimando 118 milioni di tonnellate, tra cui più di 75 milioni di tonnellate di frumento.
“Quest’anno, in generale, la situazione non è così favorevole come ci si aspettava in primavera, abbiamo ridotto la previsione relativa al raccolto lordo”, ha dichiarato il presidente del sindacato Arkadij Zlochevskij, ricordando che il sindacato aveva inizialmente previsto un raccolto di frumento pari a 82-83 milioni di tonnellate.
Secondo Zlochevskij, la ragione principale del calo sono “le condizioni meteorologiche sfavorevoli in un certo numero di regioni e la conseguente diminuzione del rendimento dei raccolti”.
Zlochevskij ha anche dichiarato che le esportazioni di cereali in questa annata agricola (iniziata il primo luglio 2021) saranno pari a 45 milioni di tonnellate, tra cui 35 milioni di tonnellate di frumento. Le esportazioni durante lo scorso anno agricolo sono state rispettivamente di 48,5 milioni e 39 milioni di tonnellate. Nonostante il peggioramento delle previsioni, la Russia manterrà la sua leadership globale nell’offerta di grano nel 2021.
Nel 2020, in Russia sono stati raccolti 133,5 milioni di tonnellate di cereali, tra cui 85,9 milioni di tonnellate di frumento.

Nel mese di agosto in Russia le vendite di autovetture e LCV hanno mostrato un calo del 17%
Nel mese di agosto 2021 in Russia le vendite di autovetture e veicoli commerciali leggeri (LCV) sono diminuite del 17% (fino a 114,13 mila unità) rispetto allo stesso mese dello scorso anno. È quanto si legge nel rapporto dell’Associazione del business europeo.
Nel periodo gennaio-agosto di quest’anno, sono stati venduti 1,067 milioni di auto, ossia il 21,3% in più rispetto allo stesso periodo del 2020.
“Anche se la domanda rimane stabile, il calo della produzione derivante da una carenza di componenti elettronici sul mercato globale continua ad allargare il divario tra domanda e offerta, con un impatto negativo sui volumi di vendita”, ha spiegato il capo del comitato dei produttori di automobili, Thomas Stärtzel.
“Dal momento che non vi sono segnali che suggeriscano una rapida risoluzione di questo problema, ci aspettiamo una volatilità delle vendite e un’ulteriore contrazione del mercato nei prossimi mesi. I risultati su base annua rimangono positivi”, ha aggiunto, sottolineando che “data la tendenza attuale, lasciamo per ora invariata la nostra previsione di fine anno del +9,8%”.
Come riportato a luglio, l’Associazione del business europeo ha migliorato le sue previsioni per il mercato russo delle autovetture e degli LCV per il 2021, fino a 1,756 milioni di unità.

Your browser is outdated! The site will not work properly. To fix this problem, click here

×