Torna a crescere la produzione industriale in Russia

A maggio 2016 la crescita della produzione industriale in Russia ha registrato un’accelerazione dello 0,7%

Nel periodo gennaio-maggio del 2016 la produzione industriale è aumentata dello 0,1% rispetto a gennaio-maggio 2015, ha reso noto il Servizio federale di statistica nazionale (Rosstat).
A maggio 2016, rispetto allo stesso mese dello scorso anno, la produzione industriale è cresciuta dello 0,7% dopo un aumento dello 0,5% nel mese di aprile, un calo dello 0,5% a marzo, un aumento dell'1% a febbraio e un calo del 2,7% nel mese di gennaio.
Rispetto ad aprile di quest'anno, l’indicatore è calato dell’1,2%.
Nel mese di maggio, gli economisti si aspettavano una crescita della produzione industriale dello 0,8% e in generale, per la fine del 2016, gli analisti prevedono una crescita dello 0,3% (ancora un mese fa, gli esperti prevedevano un aumento dello 0,4%).
I dati sull’industria sono risultati peggiori rispetto alle attese degli economisti. A maggio gli analisti si aspettavano una crescita della produzione industriale dello 0,8%.
A maggio 2015, la produzione industriale era calata del 5,5%.
Con l'eccezione di fattori stagionali e di calendario, la produzione industriale a maggio 2016 rispetto al mese precedente è diminuita dello 0,3% dopo un’assenza di variazione in aprile e una crescita dello 0,3% nel mese di marzo.
Nel campo dell’estrazione mineraria, nel periodo gennaio-maggio la produzione è cresciuta del 2,8%, mentre nel settore manifatturiero è scesa dell’1,4%. La produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua hanno registrato un aumento dello 0,1%.
In generale, nel 2016 gli analisti si aspettano una crescita della produzione industriale pari allo 0,4%. Il Ministero dello Sviluppo Economico, per il nuovo scenario di base del 2016, prevede un andamento invariato nel settore dell’industria.
Allo stesso tempo, il ministro dello Sviluppo Economico, Aleksej Uljukaev, ha dichiarato ai giornalisti che la crescita della produzione industriale in Russia nel 2016 potrebbe superare le previsioni, registrando uno 0,4-0,5%.
Tuttavia, nel periodo gennaio-maggio la produzione di autovetture in Russia è calata del 20,4%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, fino a 434.000 veicoli.
A maggio 2016, rispetto a maggio 2015, la produzione è aumentata del 4,1%, diminuendo però del 7,3% rispetto al mese precedente.
La produzione di autobus, nel periodo gennaio-maggio 2016, è calata del 4,2%, fino a 12,3 mila vetture. La produzione di camion, per i primi 5 mesi del 2016, è aumentata dello 0,5% ammontando a 46,1 mila vetture.
Nel periodo gennaio-maggio 2016, la produzione di carni e frattaglie è aumentata del 13,9% rispetto a gennaio-maggio dello scorso anno ed era pari a 1 milione di tonnellate. L’aumento è stato garantito soprattutto dal programma di sostituzione delle importazioni.
La produzione di pollame è aumentata del 5,8%, raggiungendo 1,9 milioni di tonnellate.
Per i primi 5 mesi del 2016 sono state prodotte 601 mila tonnellate di salumi, ossia il 3,9% in meno rispetto all'anno precedente.
La produzione di olio di girasole non raffinato è calata del 2,2%, fino a 1,6 milioni di tonnellate.
La produzione di pesce e prodotti ittici ha registrato un calo dello 0,3%, fino a 1,6 milioni di tonnellate.
La produzione di grano saraceno è aumentata dell’11%, fino a 148 mila tonnellate.
La produzione di latte ha eguagliato 2,3 milioni di tonnellate, ossia l’1,3% in più rispetto al periodo gennaio-maggio dello scorso anno.
La produzione di formaggi è aumentata del 3,6% fino a 238 mila tonnellate (inclusi tutti i prodotti caseari).
Sono stati prodotti 1,4 milioni di tonnellate di prodotti dolciari (con un incremento del 4%).
Nel periodo gennaio-maggio 2016, l’estrazione di petrolio, incluso il gas condensato, è aumentata del 3,3%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, ammontando a 228 milioni di tonnellate.
L’estrazione di gas naturale è calata del 2,5% fino a 229 miliardi di metri cubi.
L’estrazione di carbone è aumentata del 5,4% raggiungendo 157 milioni di tonnellate.
La produzione di benzina è aumentata dello 0,7%, fino a 16,3 milioni di tonnellate. La produzione di gasolio ha raggiunto 31,3 milioni di tonnellate, ossia il 2,6% in meno rispetto al periodo gennaio-maggio del 2015. La produzione di mazut è calata del 25%, ammontando a 23,8 milioni di tonnellate.

L’interscambio commerciale tra Italia e Russia