Electronic banking

Visita il sito Eurasia 24
russia24_new.gif

ITALIA IN RUSSIA N.294

Sempre più capillare la presenza economica, commerciale e culturale dell'Italia nelle regioni della Russia

L’associazione Conoscere Eurasia premia con un indimenticabile viaggio in Russia un gruppo di studenti italiani - Banca Intesa Russia sponsorizza la mostra “Da Tiepolo a Canaletto e Guardi” al Museo Pushkin di Mosca, uno degli eventi culturali di maggior rilievo mai realizzati dall’Italia in Russia – La moda italiana partecipa alla fiera CPM Collection Premiere Moscow – Grande successo della Fanfara dei bersaglieri di San Donà di Piave che si è esibita sulla Piazza Rossa a Mosca.

 

Conoscere Eurasia: Viaggio-premio a Mosca per cinque giovani studenti veronesi. Il riconoscimento per i ragazzi che hanno ottenuto il miglior risultato agli esami di lingua russa
È un viaggio alla scoperta di Mosca la vacanza-premio per i cinque giovanissimi veronesi che si sono contraddistinti con il miglior punteggio agli esami di lingua russa per ragazzi bilingue, iscritti a Russica, la scuola dell’Associazione Conoscere Eurasia. Dal 22 al 29 agosto Lara Nicolis (estone-italiana), Nicole Fiume (bielorussa-italiana), Danil Iliesov (moldavo), Alexander Rinaldi (italo-russo) e Chloe Cavalli (italo-russa), tutti tra i 10 e i 15 anni, hanno visitato la capitale russa per una settimana all’insegna della cultura. Hanno visitato il Cremlino, simbolo del potere russo e di Mosca con le sue torri e i suoi tesori, il Museo della cosmonautica, dedicato all’esplorazione spaziale, e la galleria Tretjakov, che raccoglie una delle più vaste collezioni di arte russa al mondo. Inoltre hanno partecipato a una lezione di lingua russa all’Istituto Pushkin, hanno visitato il parco-museo etnografico Etnomir e l’oceanario Moskvarium, hanno fatto una gita sulla Moscova a bordo di un battello e hanno ammirato diversi spettacoli tra circo, teatro e un’esibizione del celebre balletto “Lo Schiaccianoci” sulle note del compositore russo Chajkovskij.
“Si è trattato di un’iniziativa, quella del viaggio-premio, che viene istituita per la prima volta da Conoscere Eurasia, ma che punta a diventare annuale – ha detto la direttrice didattica della scuola Russica, Julia Sermjagina, che ha accompagnato personalmente gli studenti -. La trasferta ha permesso ai giovani di entrare in contatto diretto e approfondire la conoscenza di una cultura che fa già parte delle loro origini. Una caratteristica questa, che deve essere valorizzata come una ricchezza, per loro stessi e per la società in cui vivono. Come insegnanti e promotori della cultura russa a Verona e in Italia, siamo fieri di far parte di questo percorso”.
Il viaggio a Mosca degli studenti è stato organizzato dall’Associazione Conoscere Eurasia, presieduta da Antonio Fallico - anche Console Onorario della Federazione Russa in Verona -, dal Consolato Onorario della Federazione Russa in Verona e dall’Ente Governativo russo per le politiche giovanili Resursnij Molodezhnij Tsentr, in collaborazione con il centro linguistico Russkiy Mir di Casa Russa in Verona.
Per maggiori informazioni:
Ufficio stampa Associazione Conoscere Eurasia
Benny Lonardi (+39 (393) 455-55-90; direzione@ispropress.it)
Marina Catenacci (+39 (327) 913-16-75; stampa@ispropress.it)

La mostra “Da Tiepolo a Canaletto e Guardi” al Museo Pushkin di Mosca
Banca Intesa-Sanpaolo e Banca Intesa Russia sono stati i due sponsor della mostra “Da Tiepolo a Canaletto e Guardi” al Museo Pushkin di Mosca, uno degli eventi culturali di maggior rilievo mai realizzati dall’Italia in Russia sia per il numero e il valore delle opere presenti, sia per il suo significato scientifico, che le attribuisce un posto di primissimo piano nell’intera storia internazionale delle mostre dedicate al Settecento veneziano. La mostra è stata inaugurata il 23 luglio scorso dall’Ambasciatore d’Italia in Russia, Pasquale Terracciano. Patrocinata dall’Ambasciata d’Italia a Mosca con il supporto della società MondeMostre, la retrospettiva, si chiuderà il prossimo 14 ottobre.
“La mostra offre una visione panoramica del Settecento veneto e ci attendiamo un sicuro successo dal colto e appassionato pubblico russo e un'ampia risonanza sui media”, ha dichiarato l’Ambasciatore Pasquale Terracciano.
L’esposizione presenta al pubblico una raccolta di capolavori assoluti di Maestri indiscussi dell’arte pittorica italiana come Giambattista Tiepolo, Giambattista Pittoni, Luca Carlevarijs, Giambattista Piazzetta, Canaletto, Francesco Guardi e Pietro Longhi. Il tutto in ben 57 opere, di cui 23 del Museo Civico di Palazzo Chiericati di Vicenza, 25 del Museo Pushkin e 9 delle Gallerie d’Italia, Palazzo Leoni Montanari.
All’inaugurazione hanno partecipato la Direttrice del Museo Pushkin Marina Loshak, i curatori, professor Giovanni Carlo Federico Villa, Direttore onorario dei Musei Civici di Vicenza, la Dottoressa Vittoria Markova e la vice direttrice di Banca Intesa Russia, Olga Lein.

Incontro con il Ministro della Salute, Veronika Skvortsova
Il 28 agosto scorso l’Ambasciatore, Pasquale Terracciano, è stato ricevuto dal ministro della Salute della Federazione Russa, Veronika Skvortsova. Nel corso dell’incontro sono state esaminate varie tematiche di comune interesse, rilevando l’ottimo stato della cooperazione tra Italia e Russia in vari ambiti del settore sanitario, tra cui la medicina termale, la riabilitazione e la diagnostica. Sono stati inoltre esaminati vari nuovi progetti di possibili investimenti italiani e le eventuali joint-venture nel settore farmaceutico e dei macchinari per il sistema sanitario. Comune interesse è stato espresso al rafforzamento degli scambi in materia di ricerca scientifica e scambio tecnologico, con l’accordo alla realizzazione di nuove attività congiunte, anche a livello seminariale e di studio scientifico, per rafforzare la cooperazione in atto.

L’Ambasciatore Pasquale Terracciano alla Fiera di moda CPM
L’Ambasciatore d’Italia in Russia, Pasquale Terracciano, ha visitato il 4 settembre scorso il padiglione italiano alla Fiera CPM Collection Premiere Moscow in occasione della trentunesima edizione dell’evento.
Presenti 80 aziende italiane, con 67 collezioni adulto, 6 collezioni bambino e 7 collezioni intimo e moda mare, su una superficie di 7.000 mq.
La partecipazione italiana a CPM è curata da SMI - Sistema Moda Italia, da EMI - Ente Moda Italia e dall’Agenzia ICE.
L’Ambasciatore Terracciano ha sottolineato come la moda continui a rappresentare una delle vetrine più importanti per il nostro Paese in Russia, con le esportazione italiane nel settore in crescita costante.

L'Ambasciatore Terracciano: moda italiana in Russia è tornata al top
La moda italiana in Russia è tornata al top e si vede. "Pure essendo i nostri prodotti di gamma alta, c'è un interesse da parte di compratori russi, non limitato solo a Mosca", ha dichiarato ai giornalisti italiani l'ambasciatore d’Italia in Russia, Pasquale Terracciano, che ha parlato di 346,2 milioni di euro come valore del nostro export. Insomma, buone notizie per il fashion Made in Italy nella Federazione russa. L’Ambasciatore ha parlato a Mosca, in occasione della 31-a edizione di CPM Collection Première Moscow, il più importante salone della moda per Russia ed Europa dell'Est, che si è svolta al “Krasnaja Presnja Expocentr” dal 3 al 7 settembre scorso.
Ancora una volta in prima linea EMI - Ente Moda Italia con aree speciali "Italian Fashion", dedicate alla moda donna, uomo e bambino di abbigliamento, intimo e accessori. "Il settore moda italiano sta andando bene, perché abbiamo recuperato le quote di mercato che avevamo perso durante la crisi", ha sottolineato Terracciano che ha fatto visita alle aziende italiane espositrici, guidato dal direttore dell'Ufficio ICE di Mosca, Pier Paolo Celeste. “Non solo siamo tornati ai livelli del 2013, ma li abbiamo superati. Siamo arrivati a un totale di 346,2 milioni di euro come valore del nostro export. Abbiamo avuto un aumento anno su anno del 9,8%. La quota di mercato è arrivata al 9,66%", ha detto Terracciano.
I numeri presentati dal capo della missione diplomatica italiana, che ha girato per gli stand a lungo parlando con numerosi espositori, sono più che incoraggianti. "Siamo il secondo fornitore della Federazione russa dopo la Cina, e prima di Bangladesh, Turchia e Vietnam", ha aggiunto. "Mi sembra un quadro positivo e incoraggiante. Alla fiera su una superficie di 7.000 metri quadrati si sono presentate 80 aziende italiane. Con 67 collezioni adulto, 6 bambino e 7 intimo e moda mare. Da 21 città russe sono arrivati 34 maggiori distributori che tradizionalmente lavorano con le aziende italiane. La cosa interessante che pure essendo i prodotti italiani di gamma alta, c'è un interesse da parte di compratori russi, non limitato solo a Mosca, San Pietroburgo e ai grandi centri, ma esteso su tutto il territorio della Federazione", ha concluso l’Ambasciatore Terracciano.

Concerto della Fanfara dei bersaglieri
Si è svolto il 3 settembre scorso nel giardino di Villa Berg, la storica sede dell’Ambasciata d’Italia a Mosca, il concerto della Fanfara dei bersaglieri di San Donà di Piave, in provincia di Venezia.
Fondato nel 1968 e composto da 35 elementi, il complesso musicale ha partecipato con grande successo al prestigioso festival delle bande musicali “Spasskaja Bashnja”, che si è svolto il 2 settembre scorso in Piazza Rossa. Nel repertorio della Fanfara, diretta dal Maestro Fausto Niero, oltre ai pezzi bersagliereschi, anche Verdi e Rossini.
L’Ambasciatore Terracciano ha ricordato come la Fanfara, i cui componenti indossano il tipico copricapo piumato, chiamato Vaira, sia una delle più caratteristiche al mondo, l’unica a suonare e correre insieme, e si sia fatta molto apprezzare dal pubblico russo e degli altri Paesi per il suo talento e la sua simpatia.


In collaborazione con il Centro stampa di Banca Intesa Russia, l'Ufficio stampa dell'associazione Conoscere Eurasia - Ispropress, , Il Sole 24 Ore, l'Ufficio stampa dell'Ambasciata d' Italia in Russia

Your browser is outdated! The site will not work properly. To fix this problem, click here

×