Electronic banking

Visita il sito Eurasia 24
russia24_new.gif

ITALIA IN RUSSIA N.293

Sempre più capillare la presenza economica, commerciale e culturale dell'Italia nelle regioni della Russia

Matteo Salvini a Mosca: “Non vedo l'ora che si possa tornare a lavorare, a commerciare, a dialogare, a fare cultura e a fare affari tra Italia e Russia” – Banca Intesa Russia sostiene l’undicesima edizione del Festival “I giardini imperiali della Russia” a San Pietroburgo – Proclamati a Irkutsk in Siberia i vincitori del Premio letterario Raduga – L’italiana Technogym è partner ufficiale della Nazionale russa di calcio.

 

Salvini a Mosca: riaprire i finanziamenti alle Pmi russe
"Sono orgoglioso di essere il primo ministro del nuovo Governo italiano a venire in missione ufficiale in Russia, non per la partita, ma per gli incontri politici ed economici”: è quanto ha detto nella capitale russa il ministro dell'Interno e vicepremier, Matteo Salvini. che il 16 luglio scorso ha incontrato a Mosca il suo omologo russo, Vladimir Kolokoltsev.
“Non vedo l'ora che si possa tornare a lavorare, a commerciare, a dialogare, a fare cultura e a fare affari tra Italia e Russia perché le sanzioni non hanno mai risolto alcunché nella storia dell'uomo", ha aggiunto il ministro.
Inoltre, rispondendo a una domanda sul lato finanziario delle sanzioni anti-russe, Salvini ha sottolineato che "riaprire i canali di finanziamento alle Pmi russe sarebbe un segnale intelligente". Chiaro il riferimento agli investimenti Bers, bloccati da quando sono entrate in vigore le sanzioni contro la Russia. In precedenza, l'ambasciatore d’Italia a Mosca Pasquale Terracciano aveva già sottolineato che lo stop ai finanziamenti “va contro i principi europei”.



Si è svolta a San Pietroburgo l’undicesima edizione del Festival “I giardini imperiali della Russia”
Con il sostegno di Banca Intesa Russia (https://www.bancaintesa.ru/it/), nel periodo 21-27 giugno 2018 si è tenuta a San Pietroburgo l’undicesima edizione del Festival di landscaping, intitolato “I giardini imperiali della Russia”.
Le migliori squadre di fioristi, artisti, decoratori e designer provenienti dalla Russia e da tutto il mondo hanno decorato i viali, gli stagni e le fontane del celebre “Letnij Sad”, il Giardino Estivo nel centro storico della capitale della Russia degli zar.
Questa volta il tema centrale del Festival è stata “L’Assemblea floreale”. Banca Intesa Russia, che ormai da otto anni è tra i partner principali del Festival, ha presentato una composizione floreale intitolata “L’arpa”.
“Il sostegno dei progetti culturali rappresenta una linea particolarmente importante delle attività di Banca Intesa Russia. Il Festival “I giardini imperiali della Russia” è un evento annuale grazie al quale, nella suggestiva stagione delle notti bianche, si può ammirare le opere dei celebri artisti dell’arte floreale di tutto il mondo”, ha dichiarato la direttrice della filiale Nord-Ovest di Banca Intesa Russia, Natalia Bajnina.
Banca Intesa Russa, controllata del maggiore gruppo bancario italiano Intesa Sanpaolo, tradizionalmente cerca di contribuire allo sviluppo dei progetti culturali in tutta la Russia e in particolare a San Pietroburgo, la città battezzata “la capitale culturale della Russia”. Nel mese di maggio del 2018, nell’ambito del Forum economico internazionale di San Pietroburgo, presso il “Russkij Musej”, il celebre Museo Russo, è stata allestita una mostra di icone del Quindicesimo Secolo, provenienti dalle collezioni del Gruppo bancario Intesa Sanpaolo, che possono essere ammirate alla mostra permanente presso il palazzo Leoni Montanari a Vicenza.

Premio Raduga 2018: proclamati a Irkutsk i vincitori
La milanese Ida Amlesù e il romano Federico Iocca narratrice e traduttore italiani dell’anno
Ida Amlesù (Milano) e Federico Iocca (Roma) si aggiudicano il riconoscimento di migliore autrice e miglior traduttore dell’anno per la sezione italiana della Nona Edizione del Premio Raduga, il concorso letterario ideato dall’Associazione Conoscere Eurasia di Verona che ogni anno seleziona i giovani talenti italiani e russi tra i 18 e i 35 anni. I vincitori sono stati svelati il 29 giugno scorso a Irkutsk, uno dei principali centri culturali, formativi e industriali della Siberia Orientale dove, assieme ai giovani italiani, la giuria presieduta da Inge Feltrinelli ha premiato anche la narratrice, Irina Mikhajlova, e la traduttrice, Julija Gimatova, per la sezione russa.
Il racconto “Terramara” di Ida Amlesù e la traduzione di Federico Iocca dal testo “Pianura” (di Galina Uzrjutova) sono pubblicati insieme a quelli delle vincitrici russe e di tutti i finalisti sul volume antologico bilingue “Almanacco Letterario”, edito già da Conoscere Eurasia Edizioni.
“Dai testi di questi giovani talenti si alza la voce di una nuova generazione, che vuole costruire una società più giusta e umana. Questo tratto - ha detto Antonio Fallico, presidente dell’Associazione Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia - accomuna tanto gli scritti degli autori italiani quanto quelli dei russi. Con il Premio Raduga si mettono a confronto e in comunicazione due culture che si scoprono intimamente vicine e affini, mosse da un desiderio di incontro che è testimoniato anche dalla continua e crescente partecipazione all’iniziativa: con più di 700 narratori e traduttori   iscritti anche quest’anno il Premio Raduga ha registrato un nuovo record di candidature”.
Nato nel 2010 per promuovere l’interscambio culturale tra Italia e Russia, il Premio Raduga è organizzato da Associazione Conoscere Eurasia, Istituto Letterario Gorkij di Mosca e Agenzia Federale per la stampa e le comunicazioni di massa della Federazione Russa (Rospechat) con il sostegno di Consolato Onorario della Federazione Russa in Verona, Banca Intesa Russia, Veolia e la partecipazione della Fondazione Russkij Mir.
Giovane narratore dell’anno
Sezione italiana - Ida Amlesù, “Terramara”
Milanese classe ’90, è slavista, scrittrice, traduttrice e cantante lirica. Vincitrice del premio Massimo Ghimmy con una tesi di laurea specialistica in traduzione degli umoristi sovietici, Ilf e Petrov, ha già pubblicato diversi testi, tra cui traduzioni, racconti e un romanzo, Perdutamente (2017, Nottetempo), vincitore del Premio Internazionale Salerno Libro d’Europa. Vive tra Milano e Mosca, dove insegna italiano.
Sezione russa - Irina Mikhajlova, “Io sento!”
Nata nel 1986 a Ljubertsy, nella regione di Mosca e laureata presso l’Istituto Letterario A.M. Gor’kij, insegna lingua e letteratura russa a Mosca. Ha pubblicato su varie riviste, tra cui “Prolog”, “Sojuz pisatelej”, “Zelenyj bulvar”, “Koltso A” e sugli almanacchi letterari “Pjatju pjat”, “LitKult”. Membro dell’Unione degli Scrittori della Russia, ha vinto il premio del Forum dei giovani scrittori di Lipki.
Giovane traduttore dell’anno
Sezione italiana - Federico Iocca (da “Pianura” di Galina Uzrjutova)
Nato nel 1985 a Roma, si è laureato all’Università Sapienza dove nel febbraio 2017 ha concluso il Dottorato di ricerca in Scienze documentarie, linguistiche e letterarie, con un lavoro incentrato sull’opera di Aleksandr Kondratov, poeta, narratore e rinomato divulgatore scientifico di Leningrado. È autore di diversi saggi pubblicati su riviste specialistiche e traduttore letterario.
Sezione russa - Julija Gimatova (da “Libera” di Giuseppe Zarrella)
Classe ’94, di Saratov, nel 2015 ha terminato gli studi di “finanza e credito” presso l’istituto socioeconomico del RÈU “G.V. Plechanov” della stessa città e vinto il concorso UniCredit & Universities International Internship Program. Collabora con le edizioni Mann, Ivanov e Ferber e le edizioni Piter, per le quali traduce dall’inglese e dall’italiano libri di business, management, autosviluppo, psicologia, letteratura, anche per l’infanzia. Dal 2016 collabora con l’associazione italiana no profit Giovani nel mondo e partecipa all’organizzazione del festival internazionale della gioventù Rome International Careers Festival.
Per maggiori informazioni:
Ufficio stampa dell’Associazione Conoscere Eurasia
Benny Lonardi (+39 (393) 455-55-90, direzione@ispropress.it)
Marina Catenacci (+39 (327) 913-16-75, stampa@ispropress.it)

Onorificenza italiana a Timerbulat Karimov
L’Ambasciatore d’Italia in Russia, Pasquale Terracciano, ha insignito il 26 giugno scorso Timerbulat Karimov dell’Ordine della Stella d’Italia nel grado di Commendatore. Il manager russo ha ottenuto l’alto riconoscimento per il notevole contributo apportato al consolidamento dei rapporti tra l’Italia e la Federazione Russa nel settore finanziario e petrolifero nonché in quello culturale. Relativamente a quest’ultimo, Karimov di recente ha organizzato nella città di Plyos, sul Volga, un anno di manifestazioni dedicate all’Italia, promuovendo efficacemente la diffusione della conoscenza delle eccellenze italiane anche in un’area periferica rispetto al centro urbano moscovita. L’Ambasciatore, oltre che a ricordare l’amicizia che lega Karimov all’Ambasciata, ha evidenziato che «con quest’onorificenza si intende giustamente ricompensare il grande impegno profuso dal neo-Commendatore Karimov nella valorizzazione degli storicamente solidi ed intensi rapporti culturali italo-russi in Russia ed in Italia».

Serata dedicata al mondo del calcio Italiano a Villa Berg, la sede dell'Ambasciata d'Italia a Mosca
Nella serata del 10 luglio scorso a Villa Berg (la storica sede dell’Ambasciata d’Italia a Mosca)  l’Ambasciatore d’Italia a Mosca, Pasquale Terracciano, ha ricevuto una delegazione del Gruppo Mediaset, presente a Mosca in occasione della ventunesima edizione del Campionato mondiale di calcio e trattenutasi in Russia durante tutto il mese dell’evento calcistico. Mediaset ha trasmesso in esclusiva, in diretta e in chiaro in Italia dai dodici stadi russi, tutte le partire di Russia 2018. Alla serata hanno partecipato, oltre ai vertici Mediaset, i Campioni del Mondo del 2006 Massimo Oddo, Cristian Zaccardo e Gianluca Zambrotta, l’allenatore della Nazionale Under 21 Gigi Di Biagio, l’arbitro internazionale Nicola Rizzoli e molti ex giocatori (tra cui, Cristian Abbiati, Aldo Serena, Massimo Paganini, Antonio di Gennaro). Presenti anche alcuni volti noti di Mediaset come Alessandro Piccinini e Pierluigi Pardo. Alla serata hanno preso parte l’imprenditoria italiana a Mosca e personaggi del mondo culturale, sportivo, economico e politico della Federazione Russa. L’Ambasciatore Terracciano, complimentandosi con i padroni di casa per l’ eccellente organizzazione del mondiale e la splendida accoglienza riservata a tutti i partecipanti e spettatori del torneo (ad oggi oltre sette milioni di tifosi), ha sottolineato l’importante ruolo comunque svolto dalla nostra “Nazionale”, composta in quest’occasione da Mediaset, dai commentatori, giornalisti, arbitri, giocatori e dirigenti e dalle imprese nazionali che hanno collaborato nella costruzione di importanti infrastrutture dedicate alla manifestazione.

Technogym continuerà a collaborare con la Russia anche dopo i Mondiali 2018
La nazionale di calcio della Russia ha scelto Technogym, l'azienda italiana leader mondiale nel settore del fitness e del wellness, come fornitore ufficiale di attrezzature per l'allenamento e soluzioni digitali per prepararsi alle nuove sfide dopo i Mondiali 2018. Per il team russo Technogym, in collaborazione con i preparatori atletici, ha sviluppato soluzioni su misura, grazie ad una linea completa di prodotti - le soluzioni più avanzate per l'allenamento cardiovascolare, di forza, flessibilità e riabilitazione - ed alla propria piattaforma digitale Mywellness cloud in grado di offrire ad ogni singolo atleta un programma su misura, focalizzato sui prodotti e sulle qualità atletiche da allenare: velocità, resistenza, potenza, destrezza. In parte grazie alle soluzioni offerte da Technogym la Nazionale russa per la prima volta è arrivata ai quarti di finale.

 

 

Your browser is outdated! The site will not work properly. To fix this problem, click here

×