Italia-Russia: innovazione apre nuovi scenari di business

Allarme sugli interscambi economici e commerciali tra i due Paesi: in 10 mesi persi 4,7 miliardi di euro

Il presidente di Banca Intesa Russia e dell’Associazione Conoscere Eurasia, Antonio Fallico“Calano drasticamente le esportazioni di prodotti storici del Made in Italy, ma in Russia si aprono nuovi scenari di business per le aziende italiane nei settori innovativi dell’industria, della ricerca tecnico-scientifica e dell’information and communications technology. Il clima di incertezza e di tensione che ancora influenza l’economia globale, il perdurare delle misure sanzionatorie, l’instabilità del prezzo del greggio e i provvedimenti di import substitution non frenano infatti la corsa della Russia verso l’innovazione. Una voce strategica – anche per il know how italiano – nel piano di ammodernamento di tutto il Paese che oggi vale il 7,2% del suo Pil, con l’obiettivo di arrivare al 25% entro il 2020”. Lo ha dichiarato il presidente di Banca Intesa Russia e dell’Associazione Conoscere Eurasia, Antonio Fallico, all’apertura il 12 febbraio scorso a Milano dei lavori del quarto seminario “Italia-Russia, l’arte dell’innovazione”, organizzato dal Consolato Generale della Federazione Russa a Milano, Conoscere Eurasia, Roscongress e Forum Economico internazionale di San Pietroburgo in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Banca Intesa Russia e Pavia e Ansaldo Studio legale.
La Bergamini contraria alle sanzioni Ue alla RussiaSecondo i dati elaborati dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo su base Istat, nei primi 10 mesi del 2015 l’interscambio italo-russo ha già perso 4,7 miliardi di euro (18,3 miliardi di euro, -20,4% rispetto allo stesso periodo del 2014). A pesare negativamente sul saldo parziale, sia la contrazione dell’import sceso a 12,4 miliardi di euro (-16,6%) ma soprattutto la caduta del 27,5% delle nostre esportazioni, ferme a 5,9 miliardi di euro. A trascinare al ribasso l’interscambio sono stati i principali comparti del made in Italy in Russia. Tra questi, il tessile, passato da 1,7 a 1,2 miliardi di euro (-33%); l’agroalimentare, che è sceso fino a quota 306,8 mln di euro (-41,1%); il comparto dei macchinari meccanici (-20,3%) e dei mezzi di trasporto (-38,8%).
Per Antonio Fallico: “Si tratta di numeri pesanti e che in tendenza porteranno il saldo del nostro export a chiudere il 2015 in flessione del 35% rispetto al picco di 10,8 miliardi di euro raggiunto nel 2013. Tuttavia – ha proseguito il presidente di Banca Intesa Russia e di Conoscere Eurasia - in attesa di una distensione geopolitica ma anche economica, i margini per investire in Russia sono molto ampi e passano proprio dall’innovazione. Occorre agganciare la fase di progresso tecnologico, industriale e infrastrutturale che la Russia sta velocemente realizzando. Basti pensare che negli ultimi 10 anni sono sorti 120 parchi tecnologici e industriali in ben 43 regioni e altri 37 sono ai blocchi di partenza. In crescita anche gli investimenti pubblici nei settori ad alto tasso di innovazione, passati da 477 miliardi di rubli nel 2010 a 1,5 trilioni nel 2013. In questo scenario – ha concluso Fallico - si possono inserire le partnership con il know how delle imprese italiane e con le produzioni di eccellenza. Serve un’innovazione anche nell’approccio imprenditoriale. La Russia ha bisogno non solo di Made in Italy, ma di Made with Italy”.

 

Per maggiori informazioni:

Conoscere EurasiaUfficio stampa Associazione Conoscere Eurasia: interCOM
Benny Lonardi direzione@agenziaintercom.it Tel: 334.6049450
Marta De Carli press@agenziaintercom.it Tel: 345.4848542