Electronic banking

Visita il sito Russia 24
eurasia24.gif

SETTORI DELL'ECONOMIA N.40

Uzbekistan – Energia: nuove centrali idroelettriche per lo sviluppo della provincia del Sir Darya

 

Il rilancio della centrale Farkhad e un nuovo impianto a valle forniranno elettricità al polo agroindustriale integrato attiguo al bacino di Sardobinsky: coltivazioni in serra, centro di raccolta, lavorazione e stoccaggio ortofrutticoli, allevamento ittico e fabbrica di contenitori in vetro.

Nella provincia del Sir Darya è stata avviata la costruzione di una nuova centrale idroelettrica con una potenza nominale di 10,7 Megawatt suddivisa in due turbine da 5,35 megawatt ciascuna, collegata al lago artificiale di Sardobinsky adiacente al fiume Sir Darya. La produzione annua prevista è di 41 milioni di kilowattora. L’investimento programmato è di oltre 21 milioni di euro di cui 3,7 finanziati da Uzbekhydroenergo e il resto dalla russa Rosimpexbank. Dovrebbe diventare operativa tra due anni.
Da rilevare che a monte dell’impianto è stato avviato, due anni fa, un intervento di ripristino e modernizzazione della centrale di Farkhad (127 Megawatt e 551 miloni di kilowattora annui) che in realtà è alimentata da un bacino artificiale localizzato in Tagikistan. La centrale, situata nella città di Shirin,  era stata costruita durante la Seconda Guerra Mondiale. L’investimento previsto, in questo caso, è di 56 milioni di dollari. Il contractor  russo per la fornitura di turbine e impianti  coinvolte è sempre  il gruppo Power Machines con le controllate Elektrosila e LMZ (Leningradsky Metallichesky Zavod). La maggior parte dei finanziamenti è fornita, in questo caso  da Vnesheconombank: 45,2 milioni di dollari, tasso annuo del 2,3% con tre anni di grazia, durata decennale.

L’area di Shirin e del bacino di di Sardobinsky è una zona in fase di sviluppo in diversi settori. Recentemente è stata avviata un’azienda di packaging, 'Sirdaryo Universal Oyna', che produce contenitori in vetro fino a 1 litro per l’industria farmaceutica e alimentare (120 milioni di pezzi l'anno). A monte anche una fabbrica (Sirdaryo Shisha) per la lavorazione di sabbie silicee. Nella stessa area è localizzato anche un centro di lavorazione e stoccaggio ortofrutticolo (3.000 tonnellate l'anno) gestito da un’importante azienda, 'Syrdarya Golden Fruit’ che gestisce già  10 ettari di serre automatizzate per un produzione annua di 2.500 tonnellate anno. In aggiunta è localizzato  un allevamento di pesci (Syrdarya Fish Technology) con una produzione di 6.500 tonnellate.

Your browser is outdated! The site will not work properly. To fix this problem, click here

×